Ministero per i Beni e le Attivitą Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Eminila-Romagna

INFORMAZIONI


Si comunica che a seguito della riforma ministeriale di cui al DPCM 29 agosto 2014, n. 171, recante il Regolamento di organizzazione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, a decorrere dallo scorso 9 marzo la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini ha mutato territorio e ambito di riferimento, acquisendo competenze anche in materia di beni storico-artistici. Pertanto la denominazione è mutata in Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini.

Il dirigente di questa Soprintendenza è l’architetto Giorgio Cozzolino.



La provincia di Ferrara rientra ora nel territorio di competenza della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le province di Bologna, Modena, Reggio Emilia e Ferrara con sede a Bologna e dirigente l'arch. Gianna Gaudini.

I musei e i monumenti che afferivano alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini sono confluiti nel Polo Museale Regionale dell’Emilia-Romagna con sede a Bologna, la cui direzione è stata affidata al dottor Mario Scalini.

 

 

 


La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena e Rimini fu la prima istituita in Italia con Regio Decreto n. 496 del 02/12/1897. Il suo primo direttore fu Corrado Ricci, che poi diventerà Direttore Generale alle Antichità e Belle Arti.

L'attività della struttura abbraccia un ventaglio assai ampio. Il principale profilo è rappresentato dall'azione di tutela sia ambientale che architettonica sul complesso territorio di competenza, caratterizzato da ambienti naturalistici di eccezionale interesse, da centri storici e monumenti di altissimo valore storico-artistico.

Rientrano tra i servizi interni alla Soprintendenza:

  • la biblioteca specializzata
  • l'archivio storico dei documenti
  • l'archivio storico dei disegni
  • l'archivio fotografico
  • il laboratorio di restauro

Altri rilevanti attività sono legate ai Servizi educativi, con particolare riferimento all'attività didattica del Museo Nazionale di Ravenna e di Casa Romei a Ferrara.

E' gestita dalla Soprintendenza anche la Scuola per il Restauro del Mosaico, già operante da oltre due decenni per la formazione di restauratori altamente specializzati e riconosciuta come Sezione Distaccata della Scuola di Restauro dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze con Decreto Ministeriale del 27/02/2004.

Inoltre fanno capo alla Soprintendenza importanti musei e monumenti: il complesso abbaziale di Pomposa con il Museo Pomposiano a Codigoro, Casa Romei a Ferrara, Il Museo Nazionale di Ravenna, tre fra gli edifici tardo antichi e bizantini inseriti nella Lista del Patrimonio per l'Umanità dell'Unesco - il Mausoleo di Teoderico, il Battistero degli Ariani, la Basilica di Sant'Apollinare in Classe -, il cosiddetto Palazzo di Teoderico e la Casa Natale di Giovanni Pascoli in provincia di Forlì-Cesena.

Dipende dalla Soprintendenza di Ravenna anche il Centro Operativo di Ferrara istituito con Decreto Ministeriale del 01/07/1991 a tutela del patrimonio storico artistico della città.

News

19/06/2014

FATTURAZIONE ELETTRONICA - AVVISO AI FORNITORI

FATTURAZIONE ELETTRONICA - AVVISO AI FORNITORILeggi

RSS